Tagmajor

Movember 2013

M

Colpa, o merito, del Dottorino.

Costui, un inquietante personaggio che si aggira nei corridoi di una vecchia scuola di suore quasi abbandonata, lo scorso anno mi provocò mettendo alla prova la mia faccia tosta, rivelandomi che a Novembre è uso farsi crescere i baffi per un’iniziativa, lodevole, di sensibilizzazione al tumore alla prostata e ai testicoli. Io la faccia, e i baffi, ce li ho messi volentieri già dallo scorso anno, mentre lui non ha avuto il coraggio di vedere il suo volto cambiare, anche soltanto per un po’.

Quest’anno si replica, con un baffo un po’ più ingombrante, ma comunque affascinante, che richiama il retaggio calabrese delle mie origini e che mi porta in maniera minacciosa a ricordare, per somiglianza, ai miei vari zii di parte paterna. Non nascondo un certo imbarazzo, tuttavia è una cosa che faccio volentieri, fosse soltanto per spiegare a tutti quelli che mi fermeranno con una sardonica e malcelata ironia, che prevenire i tumori maschili è molto importante, che l’attenzione per la salute è fondamentale per aumentare la nostra aspettativa di vita, e con un sorriso sulle labbra me ne andrò, pensandomi per un momento come Magnum PI.

Per tutte le info del caso visitate pure il sito di Movember: http://ex.movember.com/it/

Chocolate Muffins

C

Muffin al CioccolatoChe dire, mi era venuta voglia di muffins al cioccolato, così di buona lena mi sono ingegnato per capire come si dovesse procedere. Il risultato? L’aspetto è ottimo, il gusto pure. Da perfezionare i pezzetti di cioccolata che rimangono sospesi nell’impasto, oltre alla lievitazione. Io credo che sbattere il burro con lo zucchero e poi con le uova potrebbe aiutare. Vedremo la prossima volta.

Just Like the Ol’ Days

J

Larry Bird e Magic Johnson

Eccoci qua. Come nel 1987. Un altro tassello nello scacchiere della ricostruzione, dove in missione non è soltanto il #5, ma ci sono anche io. Sono segnali, e per questo ripropongo una composizione del 1991, che mi rende fiero e malinconico allo stesso tempo.

I Celtics possono tornare in cima, e io riprendermi parte della mia vita. L’orgoglio, la forza, la determinazione, la lucidità. Perché la rabbia senza lucidità serve davvero a poco.

Beat L.A., e tutto il resto.

Il Pensiero Ritrovato

Il tempo scorre lento in tua assenza,
ed io che mi sorprendo a legger molto.
Quel libro in cui si narra un bosco folto
è tutto ciò che ho della tua essenza.

Vorrei poter un dì diventar colto;
vorrei poter studiar con insistenza.
Vorrei, ma afflitto dalla sofferenza
capisco che mi sciolgo: dio, che stolto!

È splendido, mi sono innamorato,
tre anni, forse, che non accadeva.
Mi sono liberato del passato?

Erano i tempi in cui Boston vinceva,
sì, quando lavoravo al Pergolato
e quando il mio cervello ancor rendeva.

Injury List

I

Sara D Davis / AP Photo

La sensazione è tornata ieri, da quel campo di calcio di Villa Sora, una maglia gialla numero 10, uno scatto su una rimessa laterale. Avevo 11 anni. Una martellata dietro la coscia destra. E poi una settimana a letto, senza riuscire a camminare. Strappo muscolare, mi disse il medico.

Riflettiamo allora sul significato catartico dell’infortunio, più o meno grave. E’ un ostacolo che ci viene frapposto tra la nostra volontà di fare qualcosa e l’effettiva realizzazione. E’ una prova, nel più classico stile dei vecchi cartoni animati sportivi giapponesi. Ora abbiamo la possibilità di starcene in pace, di dire “ma chi me l’ha fatto fare, col cavolo che ci torno”, oppure possiamo arrabbiarci, adirarci, piangere, perché tra noi e quel maledetto ferro ci si è messo il destino. Beffardo.

Lottare. L’unica risposta è lottare per recuperare, per poter tornare a volare, a sognare, ad esprimersi. Un infortunio è innanzitutto una prova per la mente. Qualcosa ci viene tolto, affinché noi possiamo colmare, con la nostra volontà e la nostra forza, quello che ci viene a mancare. Non lasciamoci prendere da discorsi quali “eh, ora proprio non ci voleva…”, “proprio ora che stavo riprendendo la forma”, “proprio ora che cominciavo a credere davvero di poterlo fare”. Giusto. Proprio ora. Perché ora è il momento di capire, e il momento non poteva essere dei migliori.

Un’altra vita

U

Rinascita

Certe volte per dormire mi metto a leggere, invece avrei bisogno di attimi di silenzio. O forse avrei bisogno di attimi di silenzio per mettere a fuoco quello che non mi fa dormire. Tempo di cambiamenti, dunque. E’ necessario comprendere in che direzione si sta andando, quale strada si vuole percorrere e soprattutto chi saranno i compagni di viaggio.

La situazione politica in Italia è ad un punto di svolta, molto più acuta, a mio avviso, di quella che ci fu nel 1994. L’avvento del bipolarismo bipartisan che si paventa potrebbe essere una iattura per la nazione oppure una grossa opportunità. La stessa opportunità che hanno avuto le forze di sinistra per dare una credibile alternativa e che stanno buttando via per seguire la solita logica delle spartizioni. Gli stessi che allora rifiutarono la Bolognina, oggi sono costretti a rinunciare a quel simbolo che avevano difeso strenuamente, in nome di un’ideologia in cui io credo, ma che si può e si deve perseguire in altri modi.

Il punto è che ci sono arrivati quasi vent’anni dopo, e non perché il cambiamento viene da una scelta ponderata, ma perché è necessario per la sopravvivenza. Colpevolmente in ritardo, a causa della profonda inerzia della base, dei metodi spesso di staliniana memoria che governano i processi interni ai partiti della Sinistra, ancora nel 2008, portati avanti sovente nelle sezioni locali da dirigenti giovani, per non dire acerbi, che non contestualizzano quello che c’è dietro un simbolo nella realtà in cui vivono e in cui si trovano a fare politica. Il simbolo prima di tutto, l’ideologia dura e pura dietro ogni scelta, la ragione lasciata agli stolti.

Io sono uno degli stolti, ma sono di sinistra. Credo nei principi di moralità, giustizia, uguaglianza, pace, valore del lavoro e del sapere, centralità dell’ambiente e laicità dello stato. E per questo ho scelto di fare, oltre ad essere. Ho scelto di continuare a fare il Consigliere Comunale, nonostante tutto e tutti. Qualcuno vuole soltanto apparire, ma rimane chiuso in una cantina tra chiacchiere ammuffite. Non io. Ci vuole un’altra vita.

Proprio per questo comincia la stagione dell’azione a tutto tondo, che vedrà la proposizione e di certo la realizzazione di poche cose, forse, ma sicuramente molto importanti per la Città di Frascati, per la Sinistra, per chi vuole davvero che le cose cambino.

Andremo a sviluppare azioni, in questo blog che cambia anch’esso, diventando strumento di divulgazione dei processi e dell’agire, strumento di informazione per favorire la partecipazione e l’aggregazione, e infine, per chi avrà la pazienza di seguirci, magari uno strumento di riflessione atto a stimolare un pizzico di autocritica.

Pochi punti, essenziali, quali la raccolta differenziata porta a porta e il compostaggio dei rifiuti, il Consiglio Comunale dei ragazzi, la giusta dignità statutaria ad Agenda 21, la Pace, l’intercultura e lo sport come aggregazione sociale e di popoli per il 65° anniversario dell’8 Settembre, che vedrà una manifestazione memorabile con le città gemellate.

Questo il programma di fine mandato del Consigliere Morelli, che in questo modo intende onorare la fiducia di 935 persone che hanno votato per un’idea, espressamente con Posa Sindaco, quell’idea di Sinistra Unita e di governo che mi affascinava quattro anni fa e che affascina, come me, tante donne e tanti uomini di questa nazione, stanca di chi continua solamente a parlarsi addosso.

Sull’autore

Major

Linguista, mezzo latinista, antigrecista e web designer, a Frascati (Roma)

Follow Me